MAZZANI MAURIZIO PSICOLOGO/PSICOTERAPEUTA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE

Chi sono?

Nato a Roma nel 1955, il dottor Maurizio Mazzani si laurea, all’Università “La Sapienza” di Roma, in Psicologia.

Si specializza in Psicoterapia grazie al corso quadriennale di specializzazione in “Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale effettuato presso l"Istituto Skinner" di Roma legalmente riconosciuto dal MIUR.


Inoltre, effettua un corso annuale di Perfezionamento, all’Università “La Sapienza” di Roma, in “Psicologia Cognitiva e Reti Neurali”.


Infine, a seguito di vari Studi, Corsi, Congressi e Seminari sulla Psicoterapia Cognitivo Post-Razionalista, Cognitivo Evoluzionista, sulla Teoria dell'Attaccamento e sulle ricerche nelle'area  delle Neuroscienze, applica oggi una approccio Psicoterapico COGNITIVO INTEGRATO.

 

MAZZANI DR. MAURIZIO PSICOLOGO/PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE


Terapie individuali e di coppia
Specialista per l'adolescenza.
Presidente dell'ass. Istituto Dyer per la crescita personale.



Lavora:

-Bracciano (Rm) - Via degli Orti, 9 - MAP  
-Pomigliano D'Arco (Na) - Via Giosuè Carducci, 5 - MAP 

-Roma c/o Istituto Skinner - Via Nazionale, 166 - MAP  


Telefono: 3383412941 - 3482259580 - 0813651093



- Castello Odescalchi Bracciano



- Via Giosuè Carducci (Piazza Primavera)
Pomigliano D'arco



c/o Ist. Skinner via Nazionale, 166                 Roma







Come affrontare il disagio psicologico e lo stress che ne deriva! Perché ricorrere ad un intervento psicoterapico? Cos’è una psicoterapia?

 

Un articolo come questo nasce dalla convinzione, sorta in seguito alla mia pratica terapeutica, che generalmente le persone non hanno sufficiente conoscenza di cosa sia, ne a cosa realmente miri una psicoterapia, e soprattutto ritengo che esse, generalmente, non abbiano minima conoscenza di come operi uno psicoterapeuta.

Il mio intento non è ovviamente fare pubblicità agli psicoterapisti, ma solamente offrire informazione per far meglio conoscere quell’azione sanitaria, che pur appartenendo alla casistica dei possibili interventi per la salute dell’individuo, se ne possiede scarsa conoscenza e talvolta addirittura una errata.
E’ chiaro che per spiegare un simile argomento ci vorrebbe uno spazio di almeno 200 pagine, ma nonostante ciò cercherò di esprimere succintamente i punti salienti.
Un propedeutico aspetto da chiarire, è che la psicoterapia agisce sullo stato psicologico dell’individuo “momentaneamente compromesso”. Tale compromissione, convinzione centrale dei cognitivisti, è che sia dovuta allo stress a cui l’individuo è normalmente sottoposto nel percorso della propria vita, ma che per particolari circostanze avversive, raggiunge talvolta valori cosi elevati da comprometterne la capacità cognitiva di fargli fronte.
Inoltre concetto saliente in cui si fonda l’approccio terapeutico, ed in particolare quello che si rifà alla psicologia cognitiva, è che lo stress faccia parte della nostra vita e che non possa essere totalmente eliminato.

L’obiettivo della psicoterapia, infatti, non è quello di incoraggiare i soggetti ad eliminare lo stress, bensì quello di renderli consapevoli della sua natura e del suo impatto sul proprio stato psicoemotivo, a tal proposito propongo una espressione incisiva dell’illustrissimo psicologo americano A. Selye ”la vita sarebbe noiosa senza la sfida di situazioni stressanti”.
La meta non è quindi rimuovere o eliminare lo stress, bensì incitare le persone ad osservare gli eventi stressanti come problemi da risolvere, piuttosto che come minacce personali. Si ha perciò il fine di portare le persone a divenire degli abili risolutori di problemi, nell’affrontare le situazioni avversive che appartengono alla loro vita.
L’incremento di abilità intrapersonali e interpersonali per fronteggiare lo stress costituiscono il motore di una terapia cognitivo/comportamentale.

Cosa vuol dire ciò?

Agire terapeuticamente, significa semplicemente far sviluppare competenze, alle quali attingere per incrementare le proprie capacità di tolleranza e resistenza, e far sì che diminuisca l’impatto emozionale ed i costi personali dovuti alle situazioni stressanti. Nella visuale terapeutica, il processo d’intervento è visto nell’ottica di un graduale addestramento alla crescita del paziente, facendogli acquisire strategie comportamentali e cognitive, divenendo così più abile ad elaborare le avversità della vita.

Sinteticamente, l’intervento è costituito da diverse fasi:
- la prima è chiamata di concettualizzazione ove si stabilisce una relazione terapeutica collaborativa, e si aiuta capire meglio la natura degli eventi di vita causanti stress, i suoi effetti sulle emozioni e sul comportamento.
- la seconda avviene puntando principalmente sull’acquisizione d’abilità di fronteggiamento dello stress, e la loro ripetizione inizialmente in ambito clinico per poi farle seguire in vivo. In tale fase s’insegnano varie tecniche sia cognitive sia comportamentali, sistematicamente progettate in relazione ai disturbi presentati, e all’atteggiamento (dubbioso, partecipante, diffidente, fatalista, razionale, ecc.) del paziente verso il training stesso. Il terapista in tal momento s’impegna a creare nel soggetto il maggior interesse possibile, affinché quest’ultimo partecipi con forte impegno alle pratiche terapeutiche.
- l’ultima fase si fonda sul sostegno e sulla verifica nel tempo delle abilità apprese. Questo stadio consiste nel testare continuamente, mediante domande specifiche e attraverso tecniche di inversione di ruoli quanto imparato. Nella parte conclusiva di tale stadio, è, infine, chiesto al soggetto una relazione scritta in chiara matrice cognitiva, di ciò che ha vissuto nel percorso terapico, esplicando chiaramente, dal proprio punto di vista, i progressi ottenuti. Quest’ultimo compito ha il fine conclusivo di imprimere ancor meglio quello che il soggetto ha compreso e riconcettualizzato nella pratica terapeutica; come anche costituire un punto fermo al quale riferirsi negli incontri dilazionati nel tempo, che hanno l’obiettivo di un maggior ancoraggio delle nuove abilità cognitive/comportamentali acquisite, in modo che esse diventino patrimonio irrinunciabile del soggetto.

La pratica della cocettualizzazione essendo il dinamismo cognitivo nodale della terapia, ritengo meriti una spiegazione più esaustiva. Essa consiste inizialmente nell’insegnamento di procedure di automonitoraggio al fine di far acquisire al soggetto la consapevolezza del proprio modello cognitivo (le proprie credenze su se stessi e sul mondo), e delle emozioni e dei comportamenti ad esso conseguenti. In un certo qual senso esso costituisce un percorso d’autoconoscenza volto al proprio funzionamento psichico.
Il nocciolo è quello di raccogliere più informazioni possibili sulle situazioni attinenti l’insorgenza del malessere psicologico, e portarle in sede terapeutica per discuterne con il trainer. Molti individui vengono in terapia con una visuale confusa dei propri problemi, si sentono vittime delle circostanze e vivono dei pensieri e sentimenti sui quali sentono d’avere scarso controllo. Essi sono limitatamente consapevoli di quanto le loro reazioni, il modo di far fronte agli eventi e le loro “abilità” per fronteggiarli siano spesso una concausa al potenziamento e all’aggaravamento del loro stress.
Se, premessa, le reazioni che si hanno possono contribuire all’insorgenza e al mantenimento dello stress, consegue, che esiste necessariamente qualcosa che sia in loro potere di fare per controllarlo e modificarlo!
Ecco che la visuale rigida dell’essere solo vittime e impossibilitati ad esercitare un qualche controllo sulle situazioni stressanti, viene ristrutturata in termini di potere d’azione e di cambiamento.

All’inizio di una terapia le persone sono anche gravate da un dialogo interiore (il parlare tra sé e sé) disperato, impotente, caratterizzato da sentimenti demoralizzanti ed autosvalutanti e da una sorta di paralisi della propria volontà. E’ prassi quindi, nell’agire terapeutico, che si cerchi di abbattere le convinzioni che creano ed alimentano tale visuale distorta di se stessi, che mantiene il senso della propria inefficacia al fronteggiamento dello stress.
La mancanza di percezione d’autoefficacia rappresenta l’assenza del senso di personale forza, che si fonda sulla consapevolezza d’essere abili ad affrontare una determinata situazione, ciò deriva sempre dal modo di percepire sé stessi e di porsi in rapporto con la realtà
Brevemente, per incrementare l’autoefficacia percepita, si stimola principalmente la persona sia a confrontarsi con determinati compiti, secondariamente sia a cimentarsi con attività di cui è portato ad esagerarne le difficoltà, per far ciò si usano argomenti razionali e l'incoraggiamento.

E’ quindi particolarmente rilevante, ribadisco, l’incremento della consapevolezza del soggetto sul proprio ruolo nelle reazioni di stress.

Far acquisire tale centralità, è di primaria importanza, le persone sono artefici di ciò che si vivono, perciò appare ovvio supporre che esse non sono soltanto vittime del proprio stress, anzi appare alquanto palese immaginare che la propria posizione attiva (il modo personale di valutare gli eventi, come si sente, si pensa e ci si comporta) contribuisca eclatantemente al proprio livello di stress. Ne consegue, concetto estremamente centrale, che è dunque in potere del soggetto stesso porre termine o comunque diminuire la potenzialità delle situazioni avversive nell’indurre stress.
Noi siamo i costruttori della nostra realtà, artefici e vittime dei nostri pensieri, comportamenti ed emozioni!
Man mano che si raccolgono i dati, avviene la riconcettualizzazione dove si offre un modello concettuale alternativo d’osservazione dei dati raccolti, quali causa del proprio stato emotivo disfunzionale. E’ nel corso della narrazione del paziente, che lo psicoterapeuta tra informazioni utili alla comprensione delle disfunzionalità disadattive, insite nella sua struttura mentale. Egli l’aiuta poi ad osservare le avversità in termini più benigni e che siano suscettibili di mutamento.
Siamo dunque alla ristrutturazione dei problemi e dei sintomi legati allo stress, con l’offerta di un’interpretazione alternativa più adattiva e nello stesso tempo più funzionale al raggiungimento dei propri scopi di vita.

In conclusione si induce contemporaneamente nel paziente, una diminuzione delle difese egoiche parassite, un incremento della sua complessità cognitiva con lo sviluppo di capacità di comprensione dei propri stati mentali e di quelli altrui (capacità metacognitive), come anche, obiettivo fulcro, maggiore plasticità all’invalidazione delle proprie credenze, cioè maggiore facilità al decentramento dalla visuale soggettiva. Ciò significa maggiore malleabilità a concepire, il proprio modo di osservarsi e di osservare, solamente come una possibilità di costruzione relativa e non assoluta!

Mazzani Maurizio

__________________________________________________________________________________________________________________________

Segnalato da AndromedaNew

PaginaInizio.com

<

      La libertà

  Amati amico mio, guardati con schiettezza, trasparenza e umiltà, che così non dovrai difenderti da te stesso. Accettati... sii compassionevole, tollerante verso di te e verso il tuo prossimo. Non osservare l'altro sempre come un nemico da sconfiggere, ma percepiscilo come un amico di cui godera della sua esistenza  e a cui offrire la propria in una magia che è tacita al nostro esser vivi. 

Amico mio non chiuderti nell'orgoglioso bisogno di nutrire la tua tua coerenza spesso trofica di te stesso. Essa è il prodotto di ciò che hai vissuto e quindi è inevitabilmente colma di pregiudiziali, rigide e difensive idee, che pur di confermarsi bloccano l'istintuale tendenza a evolversi e a godere così dell'amore. Non annichilirti pertanto, non perdere l'occasione di crescere spiritualmente godendo di ciò che c'è di più puro: la trascendanza dall'implicita natura egoica, materiale e corporea.

Volgi il tuo pensiero verso una maggiore astrazione, liberati dal godimento consumistico, competitivo e oggettuale... vivi cercando la libertà dagli impliciti vincoli progettuali legati alla sopravvivenza.

lasciati, dunque, avvolgere dall'onda spirituale della vita per la vita!

Mazzani Maurizio

 

 Il pensiero del nulla

Tutto soggiace al nulla, è lo sfondo dell’esistenza, l’uomo non può sfuggire alla verità, ma una volta raggiunta è elevazione, trascendenza, conoscenza pura, accettazione e libertà all’interno della propria e unica dimensione di consapevolezza!

Mazzani Maurizio


     Il palcoscenico

L'uomo cerca disperatamente di dare significato alla propria esistenza, la magia, il mito, la religiome, la metafisica poi infine la scienza, hanno dato l'illusione di spiegare il senso del tutto.

Ma il non senso è eternamente in agguato, sempre pronto ad andare in scena, ad apparire da dietro le quinte, non c'è finzione la cruda realtà del nulla è dietro e avanti il palcoscenico, ma è il palcoscenico, e lo spettatore è solo fantasia!

Mazzani Maurizio

 

 

male active brain

     NEUROSCIENZE 

"Quando si comprende la mente, si comprende la condizione umana"

     Michael Gazzanica 

       Reti neurali

 

 

 

LASCIA UNA OPINIONE

Lascia una OPINIONE

     DOCTORALIA

contatori